Coast to coast nel Sinis

Il Trail running di Capo Mannu viene riproposto nell’Agosto del 2014, dopo qualche anno di assenza, quando la corsa podistica lungo la costa del comune di San Vero veniva chiamata “Corri le Torri”. Nelle prime cinque edizioni ha visto i partecipanti impegnarsi durante il mese di Agosto prima e Ottobre poi, quest’ultima, ormai giunta alla sesta edizione, verrà svolta nel mese di Giugno, quando il flusso turistico è solo all’inizio, consentendo un tracciato “alternativo” ai precedenti.

La penisola del Sinis Capo Mannu

E’ un trail running di circa 15 km che prende nome dall’omonimo promontorio, Capo Mannu, piccola perla posta nella costa ovest della Sardegna, in provincia di Oristano. Dalla sua maestosa altezza, a Ovest sull’orizzonte marino, si vede, chiara, la piatta e distante isola Mal di Ventre, mentre verso l’entroterra, spaziano le distese di campi arati quasi senza fine ed i tratti di cespugliati con lentischio, rosmarino ed altre essenze vegetali tipiche della costa sarda. Tutto concorre ad esaltare l’aspetto insolito ed incontaminato di quest’ambiente. Il capo, con le sue rupi di calcare giallastro alte oltre 50 metri e le belle torri di Capo Mannu e Sa Mora, segna il settore settentrionale della penisola del Sinis, la costa più famosa dell’Oristanese.

Torre Sa Mora

Più a sud, dopo un tratto di spiaggia e basse scogliere dove sorgono i piccoli centri balneari di Porto Mandriola, Putzu Idu e S’Arena Scoada, a partire da Punta s’Incodina la costa si innalza con un solitario tavolato di franosa roccia calcarea, che precipita in mare da un’altezza media di 25 metri.

Spiaggia di Putzu Idu, Sa Saia Manna e Mandriola

Capo Mannu, grazie alla sua posizione che la espone a tutti i venti dei quadranti occidentali e soprattutto al maestrale, è divenuta famosa in Europa per gli amanti del surf, del windsurf e del kite. Il percorso, di media difficoltà si sviluppa totalmente su terreno naturale, lunghi single track, saliscendi continui e un picco notevole verso il dominante faro che scollina la “salita del faro”.

Faro di Capo Mannu


E’ un percorso veloce, ma molto tecnico allo stesso tempo, che cambia in continuazione: tratti velocissimi sui falsi piani, zone sconnesse per l’erosione delle acque piovane, lunghi single track che costeggiano la costa della penisola, dune sabbiose e bellissimi tratti di arenile delle spiagge di Putzu Idu e di SA Mesa Longa. Il tracciato prende il via e termina nel lungomare Putzu Idu, a ridosso della località di Mandriola e si estende per tutta la penisola arrivando fino a Su Pallosu. Dopo aver ammirato dall’alto della torre Capo Mannu il golfo retrostante Sa Saia Manna che divide Sa Rocca Tunda dalla Spiaggia di Putzu Idu, si scende rapidamente verso la spiaggia di Sa mesa Longa costeggiandola e toccando la punta estrema di Su Pallosu di fronte all’isolotto per iniziare il tratto di rientro che vi porterà all’arrivo dopo qualche chilometro….